9_9 di Kristin Man

9_9 di Kristin Man


locandina completa per web CORRETTO.jpg

Giovedì 3 maggio 2018 alle ore 18,00, nello spazio foyer del PAN Palazzo delle Arti di Napoli, verrà inaugurata la mostra di Kristin Man dal titolo “9_9” a cura di Chiara Reale. La mostra, promossa dall'Assessorato alla Cultura e al Turismo del Comune di Napoli, gode del patrocinio dell'Istituto Confucio di Napoli, dell'Ambasciata Canadese in Italia e in collaborazione con AICA Andrea Ingenito Contemporary Art. 

In una società globale che tende a spersonalizzare la relazione tra gli individui e a privarla del contatto umano, la fotografa Kristin Man decide di presentare un progetto fotografico che mira all'interazione fisica/emozionale fra artisti. Nata nel 1973 a Hong Kong da madre e padre cinesi e di nazionalità canadese, ha vissuto in Asia, Europa e Nord America in qualità di “artista nomade”, con l'intenzione di portare avanti una riflessione, artistica e filosofica, sull'identità nel mondo contemporaneo. In questo vagabondare Man intercetta il suo personale senso di “comunità”, non intrappolata entro confini geografici ma esteso al mondo intero. La comunità di Kristin Man è quella degli artisti. Inizia così un viaggio in lungo e in largo attraverso l'Italia alla ricerca di contatti fisici ed emozionali con i principali rappresentanti della “sua comunità”. Con la “comunità artistica” italiana, e in particolar modo napoletana, l'artista sviluppa, per sua stessa dichiarazione, "un legame speciale", basato sulla voglia di condivisione.

La mostra fotografica si compone di un corpus di doppi autoritratti. In ogni fotografia Kristin Man immortala se stessa in relazione con “l’altro artista” per esprimere l’essenza “condivisa” al momento del ritratto. Una galleria di doppi ritratti della fotografa in compagnia di personaggi celebri del mondo dell’arte fra i quali Mimmo Paladino, Ferdinando Scianna, Mimmo Jodice, Piero Gilardi, Emilio Isgrò, Enzo Cucchi, Gianni Berengo Gardin, Michelangelo Pistoletto, Arturo Schwarz, Arnaldo Pomodoro, Luigi Mainolfi.